mercoledì 11 settembre 2013

Le favole di Ida 2

La piccola stella

C’era una volta in cielo una piccola stella. Era ancora giovane, ma brillava con una luce così forte e coraggiosa che la Madre di tutte le stelle non poteva non accorgersi di lei.

-Stellina mia, piccola stellina! Perché sprechi così tanta energia? Calmati, il tuo viaggio è ancora lungo, risparmiati!

-Hai ragione, Madre, scusami, ma sono impaziente. Là lontano c’è un pianeta che mi piace tanto e vorrei che la mia luce arrivasse presto a riscaldare i cuori dei suoi abitanti.

-Ti capisco, figlia mia, ma forse il calore dei tuoi raggi non basta per tutti. C’è un bambino invece…, appena nato, vai da lui, mia piccola curiosona, e portagli il saluto e il calore delle stelle!

Un giorno sulla Terra:

-Guarda mamma, che bella stellina!

-E’ la tua buona stella. E’ arrivata sulla terra il giorno della tua nascita. Ti porterà amore, fortuna ed energia di mondi lontani! Custodiscila e lei veglierà su di te!

mercoledì 15 maggio 2013

Nuovo articolo

I vostri pennelli sono sempre sparsi per tutta la casa? Ecco quello che fà per voi.

Utile ed elegante porta pennelli componibile. Costruito interamente a mano con legno di pioppo spessore 1cm, e verniciato con vernici ecologiche. Ha 15 fori diametro 2 cm e 18 fori diametro 1 cm dove si possono riporre pennelli e matite per il trucco di tutte le dimensioni. Si può avere nel colore desiderato ( da decidere dopo l' aquisto). Se acquistate più moduli e amate tutti i colori, si può verniciare ogni modulo in un colore diverso.

Per altre indicazioni e prezzi visita il negozio su: www.valbo011.jimdo.com  . Oppure sui siti di aste più famosi.

Il modulo singolo ha dimensioni: lung.= 23cm  larg.= 17cm  alt.= 27cm

Sulle portine ci sono due specchi con dipinto a mano un motivo froreale.

Porta pennelli comby photo DSCN2270_zps6e52c69d.jpg

All'interno è sistemato il porta pennelli.
Porta pennelli comby photo DSCN2280_zpsb652dca5.jpg

Il porta pennelli può scorrere in avanti per facilitare l'estrazione dei pennelli.
Porta pennelli comby photo DSCN2276_zps19cd5af1.jpg

Nella parte inferiore ci sono 15 fori Ø 2cm per pennelli grandi, rossetti o lucidalabbra.
Porta pennelli comby photo DSCN2279_zps5ca7d32a.jpg

Nella parte superiore ci sono 18 fori Ø 1cm per pennelli sottili e matite per gli occhi.
Porta pennelli comby photo DSCN2278_zps6e06604a.jpg

Il porta pennelli si può abbinare con il modulo cassettiera sempre della serie comby.
Porta pennelli comby photo DSCN2281_zps06b85b14.jpg

Quattro potenti calamite su ogni lato consentono di unire stabilmente i vari moduli.
Porta pennelli comby photo DSCN2282_zps2bdaff6d.jpg

Qualche esempio di come si possono unire i vari moduli a seconda dello spazio a vostra disposizione.
Porta pennelli comby photo DSCN2285_zps59051d56.jpg

Porta pennelli comby photo DSCN2283_zps4f43d847.jpg

Porta pennelli comby photo DSCN2286_zps7e7b58e0.jpg

Porta pennelli comby photo DSCN2287_zps8ce4ddc2.jpg

 photo DSCN2288_zps47206eab.jpg

Eventualmente gli specchi delle portine si possono avere con il motivo floreale solo stilizzato con il laser invece che dipinti.

  Porta pennelli comby photo DSCN2297_zps13aa3394.jpg

Inoltre nella confezione troverete in omaggio un manualetto su come migliorare il vs trucco e altri consigli utili.

martedì 19 marzo 2013

Nuovo articolo

I vostri orecchini, anelli, bracciali, collane, sono sempre sparsi per tutta la casa? Ecco quello che fà per voi.

Utile ed elegante cassettiera componibile, porta gioielli e orologi. Costruita interamente a mano con legno di pioppo spessore 1cm, e verniciata con vernici ecologiche. Ha 4 cassetti dove si possono riporre orecchini, collane, orologi, ecc... Si può avere nel colore desiderato ( da decidere dopo l' aquisto). Se acquistate più moduli e amate tutti i colori, si può verniciare ogni modulo in un colore diverso.

Per altre informazioni e prezzi: www.valbo011.jimdo.com

Il modulo singolo ha dimensioni: lung.= 23cm  larg.= 17cm  alt.= 27cm

 photo DSCN2253_zpsf61fe7e7.jpg

Su ogni parete ci sono quattro potenti calamite che permettono di unire i vari moduli in modo stabile.

 photo DSCN2254_zpsdfdc2e90.jpg

Si possono unire in posizione orizzontale o verticale, a seconda dello spazio a vostra disposizione.
 photo DSCN2251_zps703339cb.jpg

 photo DSCN2252_zpsbb8833e4.jpg

 photo DSCN2250_zps8fa760d3.jpg

 photo DSCN2249_zpseafae025.jpg

 photo DSCN2247_zpsa76cd2e7.jpg

Ogni modulo ha quattro cassetti con dimensioni: larg.13cm  lung.22cm  profondità.5cm

 photo DSCN2256_zps46db5cb4.jpg

 photo DSCN2255_zps5d630732.jpg

lunedì 25 febbraio 2013

I racconti di Ida

                                       COLLANA: LE FAVOLE PER YURI E NICCOLO’

IL PRINCIPE SENZA PAROLA
C’era una volta un principe. Non era ancora grande, ma nemmeno piccolino.
Ma questo principino non parlava, infatti lo chiamavano “il principe senza parola”.
Il re e la regina erano molto preoccupati, chiamarono dottori da paesi lontani per far visitare il piccolo principe e per scoprire perché non parlasse. I famosi dottori ,anche se con cinque lauree in tasca, non riuscivano a trovare una spiegazione al fatto che un principe sano perché non dicesse una parola.
Allora il re e la regina invitarono nel castello i più famosi maghi e streghe, forse con le loro magie ed incantesimi sarebbero riusciti a mettere le parole nella sua bocca . Tutti i tentativi erano invani, il piccolo non disse niente....
Povera regina, non sapeva dove sbattere la testa.. piangeva disperatamente di giorno e di notte perché non poteva sentire la voce del suo amato figlio! Anche il re era molto preoccupato: come poteva lasciare il trono e il regno a un principe che non può dare ordini al cancelliere, al generale dell’esercito, ma nemmeno al maggiordomo di corte....!
Infatti il re convocò il supremo consiglio della corte per presentare il problema ai fedeli consiglieri: come poter farlo parlare?
Il generale propose di spaventare il principino con il rumore del cannone gigante del regno, il cancelliere invece, di invitare alla corte il circo più divertente del mondo per fargli vivere un’esperienza senza pari.
Tutti consigli fallirono miseramente. Allora il piccolo notaio di corte si avvicinò al re per suggerirgli di ascoltare una vecchia signora cieca che abitava in fondo al giardino reale in una piccola casettina e che di tanto in tanto regalava erbe profumate al cuoco e alla servitù. Si diceva che questa vecchietta sapesse tutto di passato e di futuro e le sue parole sagge erano molto rispettate dalle persone semplici della corte.
Il re, ormai senza speranza, convocò alla corte la vecchia.
La signora cieca arrivò accompagnata da due alabardieri e alla domanda del re, come potrebbero far parlare il piccolo principe , rispose inclinando la testa pian piano e poi alzandola all’improvviso fissò il re come se davvero lo stesse osservando.
Con voce rauca disse solo una frase:
“Il piccolo principe parlerà solo avendo un’esperienza speciale vissuta con un parente amato!”
Non disse altro, si inchinò al re e sparì all’improvviso e nessuno la vide più alla corte.
Il re e la regina si misero a riflettere sulle parole della strana signora. La regina decise di portare alla corte i più bravi sarti del reame e più bei vestiti del mondo per farli indossare al principino sperando che si piaccia e faccia un grido di gioia. Il re fece preparare la carrozza più bella e due magnifici stalloni e decise di portare il principino a far vedere tutto il reame sperando che l’esperienza lo facesse parlare.
La regina madre chiamò tutti i cuochi più famosi alla corte per preparare insieme a loro le pietanze più squisite e i piatti più speciali del regno e sperò che il piccolo, avendo provato un cibo mai assaggiato ma a suo gusto, lanciasse un urlo di felicità.
Il vecchio re ormai in pensione, invece, escogitò dei nuovi giochi e giocattoli, sperando che questi gli facessero gridare dalla gioia.
Ma era tutto inutile. Il piccolo principe si vestì nei bei vestiti di mondi lontani, assaggiò delle pietanze favolose, fece un giro in lungo e il largo per il reame e giocò con i novi giochi ma nemmeno una piccola parola lasciò le sue labbra.
La famiglia reale, rassegnata all’idea che il principino non parlerà mai, smise di cercare altre soluzioni.
Il tempo passò pian piano nel castello reale e ormai tutti erano abituati al principe senza parola.
Un giorno alla regina nacque un altro bellissimo figlio. Era grande la gioia al castello e portarono anche il principino a far vedere il fratellino reale.
Il piccolo principe lo guardò, lo osservò bene ma non disse una parola.
Passò tanto tempo e i due fratelli cresciuti andarono con la loro tata a passeggiare nel bosco.
La tata però si fermò a raccogliere fragole, mirtilli e lamponi per darli al cuoco di corte e i due principi si addentrarono troppo nel bosco
Quando la tata si accorse che erano scomparsi era già troppo tardi: i due fratelli si erano persi nel bosco e cercavano la via d’ uscita.
Il più piccolo era troppo esuberante e non faceva caso dove metteva i piedi, arrivando sull’ orlo di un burrone. Il principe senza parola voleva molto bene al suo fratellino ma era troppo distante per fermarlo e salvarlo dal precipizio.

Finalmente si mise a gridare: “Torna indietro, prima di cadere!!!”
La sua voce mai sentita fermò il fratello riuscendo così a salvarlo, e la tata li ritrovò grazie all’ urlo.
La notizia del principe che aveva trovato le parole si diffuse velocissima, regalando a tutti nuova speranza per il futuro del regno.